S.E.U.S. 118 Messina:Non ci saranno più i rianimatori sui mezzi di soccorso avanzato

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non ci saranno più i rianimatori sui mezzi di soccorso avanzato

Da oggi, non ci saranno più i rianimatori nei mezzi di soccorso avanzato. A denunciarlo la Fials-Medici che chiede all’Azienda sanitaria provinciale, diretta dal dott. Salvatore Giuffrida, di sospendere il provvedimento. A denunciare la vicenda l’Aaroi-Emac, ovvero l’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani – Emergenza Area critica, che in una nota inviata al sindaco Buzzanca, al presidente della Regione e al prefetto Alecci e al direttore generale dell’Asp Giuffrida ricostruiscono la vicenda. «Con profonda indignazione questo sindacato – si legge nella nota – pone un problema di assoluta urgenza che necessita della massima attenzione. Da tredici anni insistono nella città di Messina due Centri Mobili di Rianimazione (CMR), oggi Mezzi di Soccorso Avanzato (MSA), tutti gestiti da anestesisti-rianimatori. Nel pieno rispetto della professionalità dei medici dell’Emergenza Sanitaria Territoriale, su disposizione dell’ASP, dall’1 ottobre questa figura professionale andrà a sostituire quella dell’anestesista rianimatore anche sugli ex Centri Mobili di Rianimazione (adesso Mezzo di Soccorso Avanzato), gestiti con specialistica professionalità continuativamente da oltre 13 anni dai rianimatori. Nonostante il Decreto Assessoriale n. 481 e in atto vigente preveda espressamente la figura dell’anestesista-rianimatore (anche in incentivazione) disponendo che gli stessi, su indicazione del responsabile della Centrale Operativa, vengano impiegati in ordine di priorità presso eliambulanza, MSA. L’Asp di Messina ha invece comunicato ed identificato carente la postazione del Piemonte che, di fatto, è invece gestita dai Rianimatori. E per questo è stato comunicato che da giorno 1 ottobre la postazione del Piemonte sarebbe stata gestita dai medici dell’emergenza sanitarie territoriale estromettendo di fatto i Rianimatori mentre in tutte le altre città della Regione sono in funzione MSA con Rianimatori a bordo».
Gazzetta del Sud 01/10/2010

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *