A.S.P. Messina: Ospedale di Milazzo – gravi carenze di personale al Pronto Soccorso

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

AL PRONTO SOCCORSO DELL’OSPEDALE DI MILAZZO SERVONO PIU’ INFERMIERI, AUTISTI, MEDICI,AUSILIARI SPECIALIZZATI….

La situazione critica dei servizi di pronto soccorso a livello regionale non giustifica la carenza che quotidianamente vive il Presidio Ospedaliero di Milazzo.

Il pronto soccorso va immediatamente potenziato sia per far fronte all’aumento delle istanze degli utenti che si rivolgono all’unico Ospedale in grado di fornire adeguate risposte assistenziali ai complessi bisogni sanitari, sia per rispondere all’ulteriore aumento di domanda sanitaria dovuta all’incremento della popolazione nella stagione estiva.

In queste condizioni il presidio ospedaliero di Milazzo non è in grado di garantire adeguati livelli assistenziali agli utenti, né tanto meno serenità lavorativa ai dipendenti.

Serve un incremento urgente di personale Autista, Ausiliario, Infermieristico e Medico, una riorganizzazione dei tempi e delle modalità di fare assistenza e un allargamento strutturale degli spazi adibiti all’assistenza. Tutto ciò consentirebbe di attivare l’Osservazione Breve Intensiva e diversificare i compiti di tutti i professionisti del pronto soccorso attribuendo autonomia e responsabilità.

Con la presente si rivolge un invito alla Direzione Aziendale dell’ A.S.P. affinchè si faccia promotrice di attivare modelli assistenziali ben collaudati in altre regioni, ( ad esempio la Toscana ), e fornire le risorse per ampliare e decongestionare un servizio preminente per il pubblico e di filtro per le unità operative di degenza ospedaliera.

Confidiamo in questi interventi perchè non è il caso di indulgiare oltre, le risposte servono è sono urgenti.

La Segreteria Provinciale Fials di Messina

Leave a Reply

Lascia un commento

Specify Facebook App ID and Secret in Super Socializer > Social Login section in admin panel for Facebook Login to work

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *