A.S.P. Messina Condannata per condotta antisindacale nei confronti della Fials e viene obbligata dal Tribunale a revocare le procedure di mobilità interna degli Infermieri

Spread the love

FIALS SI RIVOLGE AL TRIBUNALE ED OTTIENE CONDANNA DELL’A.S.P. DI MESSINA PER CONDOTTA ANTISINDACALE

La Fials in persona del Suo Segretario Provinciale – Domenico la Rocca – rappresentata dal proprio legale Avv. Alberto Barbera del foro di Messina – ricorre contro l’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina in persona del Suo Legale Rappresentante – Direttore Generale Dott. Gaetano Sirna avverso la determinazione con la quale procedeva ad indire un avviso di mobilità volontaria ed obbligatoria per la ricollocazione verso altri servizi di 30 Infermieri appartenenti al Dipartimento di Salute Mentale a seguito di accordo sindacale del 11/08/2014.

In sintesi

” …Con ricorso depositato in data 12.11.2014 la F.I.A.L.S. ( Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità ) – Segreteria Provinciale di Messina denunciava la condotta antisindacale tenuta dall’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina nell’ambito della procedura di mobilità interna relativa al personale infermieristico in servizio presso i Moduli Dipartimentali di Salute Mentale.

Deduceva che la ricollocazione del predetto personale era stata operata dall’Azienda in violazione dell’art. 18 C.C.N.L. di comparto del 20.9.2001 e del regolamento per la mobilità interna del personale del comparto adottato dalla medesima convenuta – essendo stata omessa la preventiva informazione delle organizzazioni sindacali – nonché in contrasto con quanto comunicato e concordato in sede di delegazione trattante tenutasi in data 11.8.2014… ” …  Chiedeva pertanto che venisse dichiarata, ai sensi dell’art. 28 della legge n. 300 del 1970, l’antisindacalità della condotta tenuta dall’A.S.P. e ne fosse conseguentemente ordinata la cessazione e la rimozione degli effetti, mediante dichiarazione di nullità, annullamento e/o revoca delle determinazioni assunte dalla convenuta..” ….

P.Q.M.

definitivamente pronunziando sulle domande proposte dalla F.I.AL.S. (Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità) – Segreteria Provinciale di Messina, in persona del legale rappresentante pro tempore, con ricorso ex art. 28 St. Lav. depositato in data 12.11.2014 nei confronti dell’ A.S.P. (Azienda Sanitaria Provinciale) di Messina, in persona del Direttore Generale pro tempore, uditi i difensori delle parti e disattesa ogni contraria istanza, difesa ed eccezione, così provvede:

in accoglimento del ricorso, dichiara l’antisindacalità della condotta tenuta dall’A.S.P. di Messina nell’ambito della procedura di mobilità interna relativa al personale infermieristico del D.S.M., in quanto integrante violazione degli obblighi di informazione nei confronti delle OO.SS. previsti dall’art. 18 CCNL 20.9.2001 e dal regolamento aziendale in materia, per l’effetto, ordina all’Azienda resistente di annullare le determinazioni assunte per disciplinare la procedura di mobilità interna, volontaria e d’ufficio, nonché di astenersi in futuro dal porre in essere analoghi comportamenti nei termini specificati in parte motiva;

condanna l’A.S.P. di Messina alla rifusione delle spese giudiziali, che liquida in euro 1.095,00 per compensi professionali, oltre i.v.a., c.p.a. e rimborso spese generali.

Messina, 21 gennaio 2015                                                      Il Giudice del Lavoro

                                                                                             (dott.ssa Laura Romeo)

 

Commento del Segretario Provinciale FIALS – Domenico La Rocca:

Un cartellino Giallo di ammonimento è stato sollevato dal Giudice del Tribunale di Messina il quale ha emesso Decreto con la quale ordina al Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Messina l’annullamento delle determinazioni assunte per disciplinare la procedura di mobilità interna, volontaria e d’ufficio, nonché di astenersi in futuro dal porre in essere comportamenti analoghi.

Rimane ancora aperta la questione relativa alle determinazioni con la quale, il Dott. Gaetano Sirna – Direttore Generale dell’A.S.P. di Messina,  affida alle imprese private il servizio di assistenza notturna nelle Strutture Residenziali per pazienti affetti da patologie mentali che per un decennio, legittimamente era affidato al personale Infermieristico dell’Azienda. A questo proposito la FIALS ha proposto presso il Tribunale Amministrativo ricorso per l’annullamento  dei contratti stipulati con le imprese private lo scorso settembre 2014 nella parte in cui affida appunto il servizio di assistenza notturna….

Siamo stati l’unica organizzazione sindacale ad opporci alle determinazioni che l’ A.S.P. ha assunto, sia alla mobilità del personale infermieristico sia all’esternalizzazione del servizio di assistenza notturna alle imprese private, anche in sede di delegazione trattante tra A.S.P. e Organizzazioni Sindacali tenutasi l’ 11/08/2014. Abbiamo attivato anche forme di protesta con una manifestazione degli operatori del Dipartimento di salute Mentale, ci siamo rivolti in ultimo al tribunale che giustamente ci ha dato ragione!!!!

La Battaglia continua !!!!!!

questi gli sono alcuni degli interventi da parte di altre organizzazioni sindacali…

UIL UGL

 

_____________________________________________________________________________________________________________________

articolo del 29 Ottobre 2014

FIALS Convocata in Regione presso la Commissione Servizi Sociali e Sanità per le violazioni denunciate sui Servizi di Salute Mentale dell’A.S.P. di Messina

 

Commissione Servizi Sociali e SanitàE dopo innumerevoli richieste di incontri e confronto, chiarimenti, documenti inoltrate al Direttore Generale dell’A.S.P. di Messina Dott. Gaetano Sirna e rimaste inevase; dopo 2 assemblee ed una manifestazione degli Operatori Sanitari del Dipartimento di salute Mentale rimasti inascoltati; un esposto presentato al Presidente della Regione Sicilia, All’Assessore alla Salute, al Ministro della Salute, All’Autorità Nazionale Per la Trasparenza e la Corruzione ed alla Procura della Corte dei Conti, la FIALS viene convocata ( 29/10/2014 ) nella sede del Parlamento Siciliano – presso la VI° Commissione Servizi Sociali e Sanità, per essere sentita e meglio esporre le gravi problematiche denunciate che riguardano i Servizi di salute Mentale dell’A.S.P. di Messina…

In Aula erano presenti per la FIALS: Il Segretario Regionale Dott. Vincenzo Munafò, il Segretario Provinciale di Messina Domenico La Rocca e Natale Munafò per la Segreteria Aziendale.

Per la VI° Commissione Servizi Sociali e Sanità erano invece presenti: Il Presidente Dott. G. Di Giacomo –  Il Vice Presidente Dott. Stefano Zito – Segretaria Vanessa Ferreri ed i componenti, tra questi: Dott.ssa Bernardette Felice Grasso – Dott. G. Ioppolo ecc.. Erano inoltre presenti alcuni deputati: Valentina Zafarana ( M5S ) – Sergio Tancredi ( M5S )…

Presente per l’Assessorato per la Salute il Dott. Maurizio D’Arpa ( Dirigente Responsabile Servizio Regionale Tutela della Fragilità e Salute Mentale…

ASSENTE IL DIRETTORE GENERALE DELL’A.S.P. DOTT. GAETANO SIRNA

Ad esporre i fatti è stato il Segretario Regionale FIALS con una relazione di dettagliata di 4 pagine e relativi documenti allegati – depositati agli atti – in cui nella prima parte è stato evidenziato il diniego, da parte del Direttore Generale dell’A.S.P. di Messina, ad un confronto costruttivo, attento e sereno, utile a consentire una fattiva partecipazione ai processi di riorganizzazione.

Nella seconda parte della relazione sono state illustrate le varie realtà del Dipartimento di salute Mentale esistenti da oltre dieci anni ( Strutture Residenziali – C.T.A – ST.A.R. ) che hanno permesso di curare soggetti affetti da disturbi psichici. Nella terza parte della relazione sono state evidenziate e dettagliate le scelte a cui sono seguite le determinazioni del nuovo Managment insediatosi da appena qualche mese ed infine sono state denunciate le criticità, le violazioni e i maggiori esborsi economici per l’Azienda che queste determinazioni comportano.

Pertanto la Fials ha ribadito la propria richiesta di intervento per l’annullamento di tutti i provvedimenti adottati dal Direttore Generale dell’A.S.P. di Messina.

 Il Presidente della VI° Commissione Servizi Sociali e Sanità Dott. G. Di Giacomo nel prendere atto degli importanti argomenti esposti ha comunicato che l’assenza del Dott. G. Sirna era dovuta a sicuro disguido di notifica della convocazione e scusandosi ha assicurato che avrebbe convocato per l’audizione, il Direttore Generale dell’A.S.P. nei giorni immediatamente successivi, anche in presenza del Direttore del Dipartimento di salute Mentale.

    Scarica documento       Audizione Fials Commissione Servizi Sociali e Sanitari seduta del 29 Ottobre 2014

____________________________________________________________________________________________________________________

Articolo del 02 Ottobre 2014

A.S.P. Messina: Gli Operatori Sanitari del D.S.M. numerosi davati la sede dell’A.S.P. per protestare contro ….

 

fials-manifestazione-asp-messina4 MENTRE UN COSPICUO NUMERO DI OPERATORI SANITARI  DEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE DELL’AZIENDA SANITARIA DI MESSINA PROTESTAVANO CONTRO LA DECISIONE DELLA DIREZIONE STRATEGICA DI PRIVATIZZAZIONE DI ALCUNI SERVIZI PUBBLICI DI SALUTE MENTALE, IL DOTT. GAETANO SIRNA – DIRETTORE GENERALE – SEMBRA SI TROVASSE A TAGLIARE NASTRI E FESTEGGIARE ASSIEME ALLE IMPRESE PRIVATE L’APERTURA DELLA RESIDENZA SANITARIA ASSISTITA – R.S.A. –  UBICATA NEI LOCALI DELL’A.S.P. DI MESSINA – VIA CASE NUOVE RUSSO DI PATTI ED AFFIDATA IN GESTIONE ALL’IMPRESA PRIVATA CHE GARANTIRA’ ANCHE IL PERSONALE….

Ieri 1 Ottobre 2014, gli Operatori Sanitari del Dipartimento Salute Mentale che durante l’ultima assemblea tenutasi il 18 Settembre 2014 presso l’Aula Magna del Presidio Ospedaliero di Milazzo senza avere dubbi ed all’unanimità avevano deciso di dissentire pubblicamente sulle scelte operate dall’ A.S.P. di Messina, hanno partecipato numerosissimi alla Manifestazione/Sit-In di protesta davanti agli uffici della Direzione Generale dell’Azienda di Messina in Via G. La Farina, 263 coordinati dal sindacato F.I.A.L.S. di Messina e dai suoi rappresentanti sindacali

A spingere il sindacato Fials e gli Operatori Sanitari è soprattutto l’assenza di un Progetto Strategico di Salute Mentale, la contraddizione esistente tra le determinazioni dell’A.S.P. di Messina ed i vari Decreti Assessoriali sulla Salute Mentale ( D.A. 27/04/2012 – D.A. 07/01/2014 ) e le Leggi che individuano gli Standard Funzionali-Strutturali ed i Livelli Essenziali di Assistenza dei Servizi di Salute Mentale.

Ad avviso del Segretario Provinciale del sindacato Fials – Domenico La Rocca – l’A.S.P. ha urgente bisogno di un coraggioso cambio di rotta per ripianare il deficit di bilancio ( 45 milioni di euro ) e migliorare la qualità e quantità dei servizi indispensabili. Ma i tagli agli sprechi ed i risparmi non possono più continuare a ricadere sui già sofferenti servizi e sugli utenti andando a compromettere i livelli essenziali e la qualità dell’assistenza, nel caso specifico di una utenza molto fragile.

E’ ora che si faccia chiarezza sulle spese e si intervenga realmente e senza esitazione sulle inefficienze e sui reali sprechi, individuando e rimuovendo le sacche improduttive e i privilegi, che sono la vera causa del disastro economico cui versa l’Azienda.

Dalla legge n° 180/78 ad oggi sono molti i decreti che sono stati emanati: D.P.R. 7 aprile 1994, Progetto Obiettivo, Tutela della Salute mentale, con il quale furono eliminati i residui manicomiali; il Decreto 31.01.1997, che ha approvato il progetto regionale “Tutela della Salute Mentale”; il D.P.R. 10.11.1999 che ha approvato un altro Progetto obiettivo; il Decreto 4.11.2002 in cui vengono approvate le linee guida per l’attuazione del piano socio-sanitario; il decreto dirigenziale 18.7.2011 con cui viene approvato il “Piano Salute mentale 2011/2013”; il decreto assessorato alla sanità del 24.04.2012 che approva il piano strategico per la salute mentale; e, infine, il decreto assessorato alla sanità del 7.1.2014 che approva i contenuti dei programmi terapeutici riabilitativi da attuarsi nelle strutture residenziali.

Per il sindacato e gli Operatori Sanitari i Servizi di Salute Mentale devono rimanere pubblici…

Sono ingiustificabili i tagli di personale Infermieristico dei Servizi di Salute Mentale a dispetto della pianta organica approvata con decreto assessoriale che invece suggeriscono il potenziamento dei servizi con ulteriore personale; trasferimento “volontario o coatto” di personale anche a 70 km dalla propria residenza; stipula di nuovi contratti con le imprese private per la gestione delle strutture Residenziali Terapeutico-Riabilitative con affidamento di ulteriori risorse economiche; soppressione dell’assistenza infermieristica notturna nelle Strutture Residenziali che per decenni è stata garantita da personale infermieristico dell’A.S.P, per affidarla, attraverso la stipula di nuovi contratti, alle imprese private con operatori per assistenza generica ed alle quali, a tal fine, vengono aumentati i compensi mensili per ogni singola struttura.

12Gli Operatori dopo aver fatto sentire la propria presenza, sono stati invitati e ricevuti dal Direttore Sanitario Aziendale – Dott. Domenico Sindoni, il quale, dopo un confronto durato circa mezz’ora, ha confermato che l’A.S.P. proseguirà nella direzione già intrapresa dettata da necessità organizzative ed economiche.

La FIALS rimanendo ferma nelle proprie ragioni e non soddisfatta del confronto e delle motivazioni, ha comunicato che della questione avrebbe interessato e chiesto l’intervento di tutti gli organi istituzionali superiori e competenti..

Il Segretario Provinciale – Domenico La Rocca ha informato gli operatori, che erano rimasti a manifestare, sull’esito del confronto. Affermando che ” eravamo certi che la Direzione Strategica non sarebbe tornata su i suoi passi”, ma almeno gli Operatori Sanitari del Dipartimento di Salute Mentale hanno doverosamente dissentito sulla scellerata scelta dell’A.S.P. ed hanno dignitosamente difeso e dato voce ai diritti dei loro pazienti.

Quindi la battaglia continua!!!!!

____________________________________________________________________________________________________________________________

articolo del 18 Settembre 2014

A.S.P. Messina: E’ protesta.. degli Operatori Sanitari del Dipartimento Salute Mentale

 

Gaetano Sirna

TAGLI DI PERSONALE – AFFIDAMENTO ALLE IMPRESE PRIVATE DI RISORSE ECONOMICHE ED IMPORTANTI SERVIZI PUBBLICI DI SALUTE MENTALE, OPERATORI GENERICI ASSUNTI DALLE IMPRESE AL POSTO DEGLI INFERMIERI DURANTE LE ORE NOTTURNE NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI….

E’ PROTESTA…

MANIFESTAZIONE/SIT-IN – Mercoledì 01 Ottobre 2014 9,30/11,30 Messina sede A.S.P. 

Il SINDACATO FIALS E GLI OPERATORI DEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL’A.S.P. DI MESSINA IN DATA ODIERNA SI SONO RIUNITI NUOVAMENTE IN ASSEMBLEA, PRESSO L’AULA MAGNA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO “ G. FOGLIANI “ DI MILAZZO.

GLI ARGOMENTI ALL’ORDINE DEL GIORNO SONO STATI LE DETERMINAZIONI ASSUNTE DAL NEO MANAGER DELL’A.S.P. DI MESSINA DOTT. GAETANO SIRNA CHE GIA’ QUALCHE TEMPO PRIMA AVEVANO MESSO IN ALLARME E DESTATO PREOCCUPAZIONE TRA GLI OPERATORI DEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE DISLOCATI SU TUTTO IL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI MESSINA.

LO SCORSO MESE DI AGOSTO GLI OPERATORI SI ERANO RIUNITI IN UNA PRIMA ASSEMBLEA DOPO AVER APPRESO LE NOTIZIE STAMPA IN CUI IL NEO MANAGER, APPENA DOPO POCHI GIORNI DAL SUO INSEDIAMENTO, DICHIARAVA CHE ALCUNE STRUTTURE RESIDENZIALI, CHE OSPITANO  CITTADINI AFFETTI DA PARTICOLARI PATOLOGIE PSICHICHE E CHE NECESSITANO DI TRATTAMENTI TERAPEUTICI SPECIFICI ED ALTAMENTE QUALIFICATI, ERANO “ ANOMALE “ …. E NON PREVISTE DA NESSUN DECRETO…

NONOSTANTE LE RIPETUTE RICHIESTE AVANZATE DAL NOSTRO SINDACATO DI CHIARIMENTI E DI CONFRONTO NONCHE’ DI TUTTA LA DOCUMENTAZIONE UTILE A VALUTARE ED ESPRIMERE SERENAMENTE IL PROPRIO GIUDIZIO E DARE IL PROPRIO CONTRIBUTO ( FIN’ORA RIMASTE INEVASE ), LA DIREZIONE STRATEGICA DELL’A.S.P. HA ASSUNTO LE SEGUENTI DETERMINAZIONI:

—  TAGLI DI PERSONALE INFERMIERISTICO DEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE A DISPETTO DELLA PIANTA ORGANICA APPROVATA CON DECRETO ASSESSORIALE

— TRASFERIMENTO “ VOLONTARIO O COATTO ” DI PERSONALE ANCHE A 70 KM DALLA PROPRIA RESIDENZA;

—  STIPULA DI NUOVI CONTRATTI CON LE IMPRESE PRIVATE PER LA GESTIONE DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI TERAPEUTICO-RIABILITATIVE CON AFFIDAMENTO DI ULTERIORI RISORSE ECONOMICHE;

–  SOPPRESSIONE DELL’ASSISTENZA INFERMIERISTICA NOTTURNA NELLE STRUTTURE RESIDENZIALI CHE PER DECENNI ERA STATA GARANTITA DA PERSONALE INFERMIERISTICO DELL’A.S.P., PER AFFIDARLA ALLE IMPRESE PRIVATE CON OPERATORI PER ASSISTENZA GENERICA;

A PREOCCUPARE IL SINDACATO FIALS E DISORIENTARE I DIPENDENTI E’ SOPRATTUTTO L’ASSENZA DI UN PROGETTO STRATEGICO DI SALUTE MENTALE LOCALE, LA CONTRADDIZIONE ESISTENTE TRA LE DETERMINAZIONI DELL’A.S.P. ED I VARI DECRETI ASSESSORIALI SULLA SALUTE MENTALE ( D.A. 27/04/2012 – D.A. 07/01/2014 ) E LE LEGGI CHE INDIVIDUANO GLI STANDARD STRUTTURALI- FUNZIONALI ED I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA DEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE.

LA FIALS E GLI OPERATORI DEL DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE NELL’ODIERNA ASSEMBLEA DOPO AVER VALUTATO E COMPARATO GLI ATTI POSTI IN ESSERE DALL’A.S.P. E LE LEGGI E DECRETI ASSESSORIALI, E DOPO AVER VERIFICATO MOLTE INCONGRUENZE HANNO DECISO DI INTRAPRENDERE TUTTE LE AZIONI POSSIBILI AL FINE DI SCONGIURARE LA SCELLERATA SCELTA DELLA DIREZIONE AZIENDALE DI DEPOTENZIAMENTO CON TAGLI DI PERSONALE E ED AFFIDAMENTO ALLE IMPRESE PRIVATE DEI SERVIZI PUBBLICI DI SALUTE MENTALE..

PER IL SINDACATO FIALS L’A.S.P. HA URGENTE BISOGNO DI UN CAMBIO DI ROTTA VISTO IL BUCO DI BILANCIO, MA I RISPARMI E TAGLI AGLI SPRECHI NON POSSONO CONTINUARE A RICADERE SUI SERVIZI AGLI AMMALATI COMPROMETTENDO I LIVELLI ESSENZIALI E LA QUALITA’ DELL’ ASSISTENZA NEL CASO SPECIFICO DI UNA CATEGORIA DI UTENZA MOLTO FRAGILE. E’ ORA CHE SI FACCIA CHIAREZZA SULLE SPESE E SI INTERVENGA REALMENTE E SENZA ESITAZIONE SULLE INEFFICIENZE E SUI REALI SPRECHI CHE SONO LA CAUSA DEL DISASTRO ECONOMICO CUI VERSA L’A.S.P. HA INOLTRE ASSICURATO I LAVORATORI CHE DELLA PROBLEMATICA AVREBBE INFORMATO E INTERESSATO TUTTI GLI ORGANI ISTITUZIONALI SUPERIORI E COMPETENTI.

L’ASSEMBLEA CHIEDE AL DIRETTORE GENERALE DI REVOCARE LA PROCEDURA DI DISMISSIONE DI N° 30 UNITA’ INFERMIERISTICHE E RIPRISTINARE L’ASSISTENZA INFERMIERISTICA NOTTURNA; PERMETTERE AGLI OPERATORI DI ESSERE PARTE ATTIVA E DI CONTRIBUIRE ALL’ELABORAZIONE DI NUOVI PROCESSI DI PROGRAMMAZIONE, RIORGANIZZAZIONE ED INTEGRAZIONE DEI SERVIZI, NECESSARI PER IL CONTINUO MIGLIORAMENTO DELL’ASSISTENZA IN SALUTE MENTALE.

L’ASSEMBLEA DECIDE DI INDIRE UNA MANIFESTAZIONE/SIT-IN DI PROTESTA, CHE SI TERRA’ IN DATA 01 OTTOBRE 2014 DALLE ORE 9,30 ALLE ORE 11,30 PRESSO GLI SPAZI ADIACENTI GLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE SITI A MESSINA IN VIA G. LA FARINA, 263/N, PER MANIFESTARE IL PROPRIO DISSENSO E PER DIRE:

NO ALL’AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE TOTALE DELLE STRUTTURE RESIDENZIALI – C.T.A./ST.A.R. ALLE IMPRESE PRIVATE;

NO A PIU’ RISORSE ECONOMICHE ALLE IMPRESE PRIVATE;

NO ALL’ABBANDONO DELLE STRUTTURE A GESTIONE PUBBLICA;

NO AI TAGLI DI PERSONALE.

Milazzo 18/09/2014                                                                           La Segreteria Provinciale F.I.A.L.S. Messina

_____________________________________________________________________________________________________________________

Articolo del 31 Luglio 2014

A.S.P. Messina: Preoccupati per le sorti dei malati, gli Operatori Sanitari del Dipartimento Salute Mentale si riuniscono in assemblea.

GLI OPERATORI SANITARI DEL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL’ AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI MESSINA, PREOCCUPATI DALLE DICHIARAZIONI DEL NEO MANAGER DOTT. GAETANO SIRNA RILASCIATE AGLI ORGANI DI STAMPA ED AL SINDACATO FIALS NELL’INCONTRO INTERLOCUTORIO TENUTOSI IL 24/07/2014, IL QUALE AVREBBE COMUNICATO L’INTENZIONE DI RIORGANIZZARE L’ATTIVITA’ DEL DIPARTIMENTO E CONSEGUENZIALE CHIUSURA DELLE STRUTTURE ABITATIVO RIABILITATIVE CHE ATTUALMENTE OSPITANO 84 UTENTI CON DISABILITA’ MENTALE, SI RIUNISCONO IN ASSEMBLEA PER DISCUTERE ED AFFRONTARE LA PROBLEMATICA E VALUTARE I POSSIBILI EFFETTI E LE RICADUTE NEGATIVE SULLA QUALITA’ DELL’ASSISTENZA CHE FIN’ORA E’ STATA GARANTITA ALLA PARTE PIU’ DEBOLE DEI CITTADINI.

Gli Infermieri del Dipartimento di Salute Mentale si riuniranno in assemblea, indetta dal sindacato Fials Sanità Messina, GIOVEDI’ 07 AGOSTO DALLE ORE 12,00 ALLE ORE 14,00 PRESSO L’AULA MAGNA DEL PRESIDIO OSPEDALIERO ” G. FOGLIANI” DI MILAZZO.

20150123_085841

20140803_090509

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply

3 pensieri riguardo “A.S.P. Messina Condannata per condotta antisindacale nei confronti della Fials e viene obbligata dal Tribunale a revocare le procedure di mobilità interna degli Infermieri

  • 11/04/2015 in 03:16
    Permalink

    Infermiere presso il Policlinico G.Martino di Messina cerca cambio compensativo presso ASP 5 di Messina preferibilmente P.O di Barcellona o Milazzo.
    Per info 3349116692

  • 23/09/2014 in 19:32
    Permalink

    Ma perché non lo denunciate questo Dottor Sirna!! Prima impone agli infermieri di fare da centralinisti ad altri li sostituisce con operatori generici nei turni di notte. Ma l’assessore Borsellino cosa ne pensa?… Siamo proprio alla frutta, assurdo e vergognoso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *