Il Grande Ministro Brunetta minaccia di bloccare i concorsi nelle aziende sanitarie Siciliane.

Il governo di Roma è pronto a impugnare il bando per le assunzioni nelle strutture sanitarie siciliane. Ad annunciarlo è il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta, che ieri ha parlato del blocco del turnover che prenderà il via a partire dal primo gennaio. “Le infornate di nuove assunzioni in Sicilia e in Puglia sono dovute a carenze di personale? Tutte saranno impugnate – assicura Brunetta – E se le amministrazioni saranno incapaci di riorganizzarsi ne risponderanno di fronte al popolo sovrano”. Un annuncio che arriva al termine di una giornata di polemiche sulle quattromila assunzioni decise da Palazzo d’Orleans.

“Sicilia pronta a sperperare”. “Sprechi senza fine”. “La Sicilia balla sul Titanic”. È un attacco frontale quello apparso ieri mattina sulle pagine di “la Padania”, “Libero” e “il Giornale”: l’annuncio delle nuove assunzioni nella Sanità e della riduzione di ticket e imposte viene descritto come il simbolo degli sprechi della Regione. Un attacco congiunto contro i “privilegi per i siciliani” da parte di quotidiani del Nord vicini a Berlusconi, che accusano il governatore Raffaele Lombardo di clientelismo e denunciano “le assunzioni facili che in altre regioni i cittadini si scordano”. Anche perché, come ha ricordato lo stesso assessore alla Salute Massimo Russo, il bando verrà pubblicato domani a tempo di record “prima che subentri il blocco del turn over imposto dalla legge nazionale”, evitando così le restrizioni previste dalla finanziaria di Tremonti.

L’attacco più duro arriva dalla Padania. “Sicilia e sanità, due parole che quando stanno insieme significano guai”, esordisce il foglio della Lega Nord. L’articolo ricorda i debiti disastrosi che il sistema siciliano ha accumulato negli ultimi anni e critica la decisione di Palazzo d’Orleans di non risparmiare l’avanzo di gestione di 21 milioni di euro per il 2009: “Si sono sentiti in diritto di sperperare subito”, accusa, “tanto a pagare saranno sempre i soliti, i padani”.

Sono in tanti a sottolineare come questa nuova infornata di assunzioni arrivi nel pieno della crisi e alla vigilia della stretta voluta dal ministro Tremonti sui nuovi contratti nel pubblico impiego. “Il governo democristofiniano di Raffaele Lombardo, con tanto di striature rosso finocchiaro, si permette il lusso di politiche anni ’80”, scrive “il Giornale”. “Qui o c’è un trucco oppure si balla sul Titanic”: il “viceré di Sicilia”, insiste il quotidiano, “con le elezioni all’orizzonte può dare sfogo alla sua vocazione primitiva”, che si sintetizzerebbe in un invito: “Venite clientes”.

Anche per “Libero” si tratta di una manovra pre-elettorale di Lombardo: “Quattromila precari in via di stabilizzazione sono un bacino di voti preziosi”, scrive il quotidiano, che solleva dubbi anche sui criteri di scelta dei nuovi assunti: “Non è che, per caso, i più capaci hanno trovato una strada autonoma e quelli rimasti con contratto a tempo determinato sono precari sotto ogni profilo: lavorativo e professionale?”.

La reazione dell’assessorato alla Salute è durissima. Come aveva fatto nei mesi scorsi dopo che alcuni casi di sospetta malasanità erano finiti sulle prime pagine dei giornali, Russo parla di “razzismo mediatico” e se la prende con i “preconcetti e pregiudizi” sulla Sicilia. “È evidente che certa stampa (e certa logora politica) non accetta (anzi si sorprende) che in Sicilia possa funzionare qualcosa”, contrattacca l’assessore. Trascinato sul ring del federalismo, Russo rilancia e la mette sul piano dello scontro per le risorse tra Nord e Sud: “I siciliani hanno già manifestato la loro indignazione sui vari blog – dice Russo – e capiranno sempre meglio che è ora di cambiare l’andazzo sbattendo i pugni nelle sedi opportune per rivendicare e ottenere i propri diritti espropriati da una politica sempre più attenta ai problemi del Nord”.

Scrive Russo: “Sono assolutamente certo – ed ecco il motivo principale del mio ringraziamento – che questo tipo di razzismo mediatico, insieme all’opera professionale di certi giornalisti pronti ancora una volta a mortificare la propria professionalità pur di recitare il ruolo di “servi sciocchi” dei loro editori e dei “padrini” politici di riferimento, saranno utilissimi a scuotere i siciliani e a stimolare nuove riflessioni sul ruolo di certi politici siciliani che nel corso degli anni, a Roma, avrebbero dovuto rappresentare e tutelare gli interessi della Sicilia. E che avrei voluto ascoltare, in queste ore, in un sussulto di dignità, difendere le ragioni dei siciliani che li hanno eletti”. L.R. (30 dicembre 2010)

16 pensieri riguardo “Il Grande Ministro Brunetta minaccia di bloccare i concorsi nelle aziende sanitarie Siciliane.

  • 05/01/2011 in 18:58
    Permalink

    w fortunello ole’

  • 05/01/2011 in 10:16
    Permalink

    Giovanni in che reparto lavori……a Reggio Emilia faccio il giro con l’infermiere, vuol dire che sarai uno di quelli infermieri che non sanno fare un c…….e ti hanno sballottato di qua e di la visto che il tuo lavoro non sai farlo bene, ti ricordo che al primo anno infermieristica si basa tutto sull’assistenza di base e quindi IGIENE ricordatelo…..nn volevo offendere sicuramente sei un reparto dv sono tutti autosufficienti per tua FORTUNA

    ciao alla prox

  • 05/01/2011 in 10:10
    Permalink

    Fausto studia te……..i cognomi iniziano con lettera maiuscola….uhauhauauahuahauhauha

    scherzavo

  • 04/01/2011 in 18:41
    Permalink

    fortunato D. a studia uahuahau

  • 04/01/2011 in 13:58
    Permalink

    Ma anzioche lamentarci solo sui blog perchè non ci organizziamo e facciamo ricorso ???????????
    Cosa pensiamo che qualcuno lo faccia per conto nostro ?????

  • 03/01/2011 in 13:01
    Permalink

    Scusate colleghi CPSI,
    non mi dite che non spetta anche a noi cambiare i pannoloni perchè altrimenti penso che non avete capito un cazzo di questa bella professione.
    L’igiene del paziente è uno dei bisogni assistenziali che dobbiamo garantire….che poi ci siano gli OSS che ci danno una grossa mano e in alcune realtà hanno anche più autonomia allora è un’altra cosa.
    Non crediamoci dei medici o dei super fighi col fonendoscopio al collo ricordiamoci che dobbiamo assistere i pazienti.

  • 03/01/2011 in 09:49
    Permalink

    no giovanni sono un cpsi che lavora alle Molinette di Torino e purtroppo anche li le cose non sono messe bene, quando c’è bisogno cambiamo anche i pannoloni ma non c’è niente di male e niene di cui vergognarsi..(“””GRAZIE A DIO”””) AUGURI!!!!!!!!!!!!!!!

  • 01/01/2011 in 20:11
    Permalink

    UN SALUTO PARTICOLARE A FORTUNATO D…….TE LA RICORDI LA LACCORO? E la veladdo?

  • 01/01/2011 in 20:08
    Permalink

    enrico, senza offessa alla professione che serve e ce ne sarebbe bisogno anche al sud, ma sicuramete tu parli di cambiare pannoloni perchè sei un OSS verO? io da infermiere al nord grazie a dio faccio la mia bella professione e non ho mai fatto igieni dei pazienti o cambiato pannoloni…

  • 01/01/2011 in 18:15
    Permalink

    vorrei vedere tutti sti medici portarsi in giro pazienti, e tutto il resto.se non si scende in piazza restiamo fuori :prima portantina, poi ausiliaria specializzata poi osa, poi oss:sempre fuori restiamo ciao.Medici, Primari Dirigenti sono pieni pure i sottopasaggi.

  • 01/01/2011 in 14:38
    Permalink

    Scusate ma non vorrei offendere nessuno, siamo alle solite.
    Siamo un pugno di codardi, perchè allora non blocchiamo tutto, scioperiamo, andiamo in piazza e facciamo casino.
    Assicuriamo solo le emergenze, lasciamoli soli sti medici quando si arricchiscono facendo le “visite a pagamento”, niente interventi di elezione, no day hospital, niente prelievi di “routine”, niente giro letti, poi vedrete se non ci danno i nostri diritti.
    Se stiamo zitti, pensano, “stanno bene”!!!

  • 01/01/2011 in 11:22
    Permalink

    vergogna a tutti i politici e istituzioni!!! qua ce chi ha troppo e continua a ingrandirsi sulle spalle della povera gente e di chi veramente vuole esercitare il proprio lavoro nella propria regione con passione e amore!!!!! l italia è uno stato fondato sul lavoro e tutti hanno diritto di lavorare!!!!!!!!

  • 01/01/2011 in 03:08
    Permalink

    io spero proprio che il nostro Brunetta blocchi tutto…….no per voi ragazzi ma x i sindacalisti e politici, ci hanno preso in giro, hanno fatto tutto per i dirigenti e medici, non hanno menzionato altre figure importanti come OSS e vari….che vergogna

  • 31/12/2010 in 20:01
    Permalink

    avette letto il giornale di Sicilia di oggi, Brunetta dice che le carenze di personale verranno affrontate con le procedure telematiche.

    ma ci pensate cambieremo i pannoloni con un click, o forse sarà tutto touch. E’ un grande non c’è dubbio.

  • 31/12/2010 in 18:06
    Permalink

    questo Brunetta sta veramente rompendo, prima ci chiama Fannulloni e poi non ci vuole neanche fare tornare a casa.
    Si preoccupa forse che così facendo si svuotano gli ospedali del nord?

  • 31/12/2010 in 12:51
    Permalink

    A brunetta ma c faccia il piacere e c faccia lavorààààà!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *