Ospedale di Patti: carenza di Operatori Socio Sanitari – FIALS protesta e denuncia illegittimità

Spread the love
  • 151
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nonostante il Presidio Ospedaliero di Patti soffra da molto tempo la carenza di Operatori Socio Sanitari, con disposizione del Commissario Straordinario – Dott. Paolo La Paglia – due Operatori Socio Sanitari addetti all’attività assistenziale domestico alberghiera e di supporto alla professione Infermieristica assegnati da tempo al Presidio Ospedaliero di Patti sono stati trasferiti per esigenze di servizio ad altra struttura RE.M.S. di Naso ( struttura residenziale non ospedaliera ).

Ad chiederne la immediata revoca della disposizione di trasferimento è il Segretario Generale FIALS Messina Domenico La Rocca che contesta la legittimità della disposizione non essendo stato rispettato il Contratto di Lavoro ma soprattutto per il disagio che i reparti del Presidio Ospedaliero di Patti subiranno a causa della ulteriore mancanza di Operatori Socio Sanitari e per il disagio che i lavoratori interessati subiranno per via dei tempi di percorrenza e la distanza e per l’assenza di mezzi pubblici compatibili con gli orari di servizio.

Per il Segretario Domenico la Rocca è una decisione sbagliata ed improduttiva perchè per coprire le esigenze di una Struttura si sguarnisce un’altra Struttura e questo non è accettabile se consideriamo che a subirne le conseguenze maggiori sono coloro che necessitano di maggiore assistenza trattandosi di utenti ricoverati in Ospedale per patologie acute. Nella missiva inviata ai vertici dell’azienda Sanitaria Provinciale di Messina il sindacato FIALS chiede una soluzione definitiva attraverso l’immediata assunzione di ulteriori Operatori Socio Sanitari mediante l’utilizzo e scorrimento delle graduatorie esistenti fino a copertura di tutti i posti vacanti

Leave a Reply

Lascia un commento

Specify Facebook App ID and Secret in Super Socializer > Social Login section in admin panel for Facebook Login to work

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *